IL GIOCO È RISERVATO AI MAGGIORENNI E PUÒ CREARE DIPENDENZA PATOLOGICA. | Probabilità di vincita
film e casinò cover
Film sul casinò: le 10 migliori pellicole nella storia del cinema

Categoria: Mondo Casinò

I migliori 10 film sul casinò e sul gioco d’azzardo

Film e casinò sono da sempre un’accoppiata vincente, che nella storia ha regalato numerose pellicole indimenticabili. Le ragioni sono di varia natura, ma in generale quello delle case da gioco è un contesto che si presta decisamente bene alla narrazione per immagini. Tra personaggi borderline, storie dense di colpi di scena e il brivido che solo il gioco d’azzardo sa regalare, pescare in questo mondo è da sempre considerato una sorta di jolly, per molte case di produzione.

Vediamo allora quali sono i più meritevoli film sul casinò e sul gioco d’azzardo secondo noi, fra titoli famosissimi e altri un po’ meno conosciuti, che però varrebbe senza dubbio la pena di guardare.

Casinò: la parabola di “Asso” De Niro

Casinò - film sui casinò

Da un maestro di “gangster movie” come Martin Scorsese ecco nel 1995 “Casinò”, un terzo episodio della cosiddetta “trilogia sulla mafia” del regista italo-americano, dopo “Mean Streets” e “Goodfellas”. In questo caso il film narra le vicende di un casinò di Las Vegas controllato dalla “mala” e gestito da un personaggio esterno alla mafia, Sam Rothstein detto “Asso”, interpretato da uno sempre impeccabile Bob De Niro. La sua è una parabola anche umana che lo porta dal nulla al potere, per tornare al nulla. Straordinario anche il cast, con memorabili performance da parte di Sharon Stone e Joe Pesci, quest’ultimo uno degli attori “feticcio” di Scorsese insieme allo stesso De Niro.

Rounders – un manifesto per pokeristi

Anche registi non acclamati, né particolarmente talentuosi o dalla carriera costellata di successi, hanno a volte un “film della vita”. Per John Dahl sicuramente è stato “Rounders”, un film che è una felice combinazione di elementi a partire dai due protagonisti, Ed Norton e Matt Damon. Ad oggi si tratta del miglior film sul gioco del poker che sia mai stato realizzato. Più precisamente, è la pellicola che meglio di ogni altra ha descritto la figura moderna del giocatore di poker. Quanto sia riuscita questa pellicola emerge anche da un singolare effetto “a cascata” che ha causato. Da un lato abbiamo il protagonista Mike Mcdermott che si appassiona al poker guardando in TV l’heads up finale (vero) tra Johnny Chan ed Erik Seidel al WSOP Main Event del 1988, 10 anni dopo migliaia di giocatori si sono appassionati al poker proprio guardando “Rounders” e diversi tra loro sono diventati poi dei veri professionisti.

The Cooler: casinò, gioco e amore

film casinò The Cooler
La storia è quella di Bernie Lootz, personaggio ambiguo e particolare. Di mestiere fa il Cooler, e cioè il ‘raffreddatore’. In buon sostanza Bernie, uomo accompagnato dalla reputazione di giocatore estremamente sfortunato, viene assoldato da un grosso casinò americano con la funzione di “far perdere” i clienti in forte serie vincente, semplicemente sedendosi allo stesso tavolo. In questo bizzarro meccanismo si inserisce anche la componente sentimentale, a scombinare gli equilibri: Lootz s’innamorerà di una cameriera e la fortuna girerà dalla sua parte, danneggiando i suoi datori di lavoro. Effetti speciali e meravigliosa colonna sonora: il film è stato girato totalmente nel Nevada, tra Las Vegas e Reno. Ottima la rendita: costato meno di 4 milioni di dollari, “The Cooler” ne incassò più di 10 al botteghino ma soprattutto oltre 40 tra DVD e vendite online!

21, ovvero gli universitari che sbancano il casinò

film casinò 21
Indubitabilmente uno dei migliori film di sempre sui casinò, anche perché ispirato da una storia vera, ovvero quella di un formidabile studente e un professore di matematica geniale e ambizioso. Lo studente è Ben Campbell (interpretato da Jim Sturgess), uno con un grande futuro davanti ma anche un presente colmo di problemi finanziari. Poi c’è il professor Mickey Rosa (Kevin Spacey), che nota il talento di Ben e lo indirizza verso il team di Blackjack: un gruppo di ragazzi con spiccate doti matematiche, che ogni weekend va a Las Vegas a sbancare i tavoli di blackjack. Se oggi il conteggio delle carte a blackjack è severamente vietato in ogni casinò, è anche a causa del team raccontato in questo film.

Cincinnati Kid, il mito del poker prima del poker

Nel 1965 il poker è ancora un fenomeno prettamente underground. Non era di là da venire solo il poker online, ma dovevano addirittura ancora nascere le World Series Of Poker, che sarebbero arrivate soltanto 5 anni dopo. Eppure Norman Jewison tira fuori un film meraviglioso, iconografico, che grazie a un bellissimo Steve McQueen anticipa le caratteristiche, la fame di competizione e la personalità di un vero campione di poker. Il contrasto fra la voglia di emergere del Kid e l’altezzoso “re del poker” Lancey Howard, interpretato da un altrettanto memorabile E.G. Robinson, fotografa alla perfezione lo scontro anche psicologico che sta dietro a quello che solo in apparenza è un gioco di carte. Il senso di tutto un film si può sintetizzare nella celebre citazione di Howard: “You’re good kid, but as long as I’m around you will be the second best”, che si traduce più o meno “Sei in gamba, figliuolo, ma finché ci sarò io in giro potrai essere al massimo il secondo”.

La doppia vita di Mahowny, monito sui rischi da evitare

film casinò La doppia vita di Mahowny
Ci troviamo a Toronto ed è il 1982. L’anno del Mundial di Spagna, ma pure di Dan Mahowny, impiegato bancario estremamente focalizzato sulla carriera. In poco tempo Dan diventa l’assistente del direttore: da qui può notare e studiare i conti della filiale, in quanto gode di una fiducia incredibile da parte di tutto lo staff della banca. Dan però è anche un giocatore d’azzardo, il suo gioco è per di più compulsivo. Ogni settimana si reca in un casinò di Atlantic City, dove in sostanza gioca con i soldi dei clienti della banca. Gradualmente la doppia vita di mister Mahowny verrà fuori. Rimane una bellissima interpretazione del compianto Philip Seymour Hoffman.

Ocean’s Eleven, Clooney mattatore

film casinò Oceans Eleven
Se si parla di film sui casinò, Las Vegas è una tappa obbligata. E l’atmosfera della città del gioco è perfettamente ricostruita in Ocean’s Eleven. Danny Ocean (George Clooney) è un uomo accusato di truffa aggravata e rapina, che esce dal carcere dopo avere scontato una condanna di 4 anni. Ma come recita il proverbio il lupo magari perde un po’ di pelo, non certamente il vizio. La prima telefonata dopo il periodo al fresco è per Rusty Ryan, “collega” che si guadagna da vivere insegnando poker a una classe di giovani attori. Danny propone a Rusty di eseguire un furto ai tre più importanti casinò di Las Vegas: il Bellagio, il Mirage e l’MGM Grand, tutti accomunati da uno stesso proprietario. Dunque, Danny prepara la squadra di 10 persone, in cui ognuno si vede assegnato un compito specifico in base a doti fisiche e balistiche. L’interpretazione di George Clooney è di alto livello, presente in moltissime scene del film e sempre col piglio da mattatore.

La Stangata, la truffa delle truffe

Vedere insieme Robert Redford e Paul Newman, nel massimo del loro splendore, è già di per sé un’attrazione per un film che infatti è da subito entrato di diritto nella storia del cinema, non solo tra i migliori film sul gioco d’azzardo di sempre. La storia è quella di due truffatori di strada che arrivano ad architettare una geniale truffa ai danni di un grosso gangster, con un susseguirsi di colpi di scena che ha pochi eguali non solo nei film dell’epoca (“La Stangata” è uscito nel 1973). Merito dei due superdivi ma anche del regista George Hill, che infatti vinse l’oscar alla regia. Non fu l’unica statuetta, perché ne arrivarono addirittura altre 6 tra cui quella per il miglior film.

Colpo Grosso, uno dei primi casinò sul grande schermo

film casinò Colpo grosso
Se vi è piaciuto Ocean’s Eleven, pensate che si tratta di un remake proprio di questo Colpo Grosso, uscito nel 1960. Anche qui abbiamo Danny Ocean e i dieci amici, ma a differenza del remake qui sono tutti veterani della Seconda Guerra Mondiale, che con Danny hanno condiviso la vita nell’82nd Airborne Division. Il team si organizza per un super colpo: cercare di beffare cinque casinò di Las Vegas. Ma non sarà così facile, anzi. Curiosità: nonostante i due film siano usciti a 41 anni di distanza (Colpo Grosso nel 1960, Ocean’s Eleven nel 2001), hanno in comune il nome George Clayton Johnson, che ha scritto il soggetto per entrambe le pellicole.

Casinò Royale, un all-in da cineteca

Poteva mai un personaggio cinematografico e letterario come James Bond rimanere fuori da una lista di film dedicati ai casinò? Il più famoso agente segreto nella storia del cinema è particolarmente sensibile al fascino femminile (in questo caso la meravigliosa Eva Green) e al brivido delle carte, quindi era inevitabile che una delle sue tante pellicole finisse in questa top 10. Si tratta di Casinò Royale, film che vede Bond interpretato dal glaciale Daniel Craig. Il “villain” di turno è “Le Chiffre”, un banchiere senza scrupoli legato a un’organizzazione terroristica, ma soprattutto un geniale giocatore di poker. Infatti la sequenza della mano finale tra Bond e Le Chiffre è in assoluto tra le più viste, citate e celebri degli ultimi 20 anni.

E quali sono i vostri preferiti?

Questa è una lista che ovviamente non ha pretese di essere quella “definitiva”. In primo luogo perché i gusti sono personali, in secondo luogo perché ogni anno – tra film, fiction e serie TV – esce qualche titolo nuovo che potrebbe benissimo stare in una classifica analoga. Perché giocare al casinò dal vivo è elettrizzante, ma anche ammirarne l’azione sullo schermo ha un suo incrollabile fascino.

Casinò Online