IL GIOCO È RISERVATO AI MAGGIORENNI E PUÒ CREARE DIPENDENZA PATOLOGICA. | Probabilità di vincita
logo monopoly
Monopoly: storia, caratteristiche, curiosità ed edizioni speciali del più famoso gioco di società

Categoria: Giochi

Il Monopoly è il gioco più popolare nella storia dei giochi da tavolo. La sua origine la si deve ad una donna Elizabeth Magie che, nel 1903, lancio Landlord’s Game, un gioco che conserva gli stessi principi del Monopoly che tutti conosciamo, ma fu principalmente legato ad uno scopo didattico: dimostrare come gli affitti arricchiscono i proprietari e impoveriscono gli inquilini secondo la teoria del Georgismo.
Storia del monopoly
Magie detenne il brevetto fino al 1935, ma successivamente lo vendette alla Parker Brothers per la cifra di 500 dollari. Contemporaneamente, un ingegnere disoccupato, Charles Darrow, iniziò a distribuire una produzione artigianale del gioco, anch’essa poi acquisita dalla Parker, che in seguito la immise sul mercato in una versione del tutto simile a quella attualmente disponibile.
Tutti conoscono il gioco del Monopoly e le sue regole, ma più interessanti sono le curiosità e le singolarità che il gioco ha innescato nel corso degli anni. Come è facile pensare, il Monopoly è il gioco più diffuso nel mondo.
Venduto in 114 paesi e tradotto in 47 lingue, conta 100 mila negozi nel mondo che lo rivendono. Si calcola che nel mondo siano state giocate 750 milioni di partite e che la più lunga sia durata ben 70 giorni!
La popolarità del gioco è dovuta anche alla geniale idea di aver creato delle versioni speciali, se ne contano ben 300 suddivise tra i settori più disparati come cinema, musica, sport, serie tv, ecc… E così troviamo versioni legate agli Avengers, ai Queen, a Friends, a Fifa o Harry Potter e così via…
Dal 2009, dopo l’acquisizione da parte della Hasbro, il Monopoli uniforma il suo naming eliminando tutte le varianti ed uniformando globalmente il nome in Monopoly.
Anche l’Italia ha visto una diffusione capillare del gioco. È del 1935 la commercializzazione del gioco in edizione italiana. A cura di Emilio Ceretti, il gioco venne lanciato in pieno regime fascista. Il tabellone, in quel particolare periodo, venne studiato per seguire le regole del regime. Il nome fu italianizzato, da Monopoly a Monopoli, era ispirato alla toponomastica di Milano e comprendeva “via del Fascio” e toponimi di casa Savoia, poi rimossi.
Quattro sono state, e sono, le edizioni italiane speciali messe in commercio, Monopoli 900 (1942), Monopoly 150° d’Italia per celebrare il 150 anni dell’unità d’Italia, Monopoly città italiane e, i più recenti, Monopoly Napoli (2017) e Roma (2018).
Il Monopoly è esemplare in quanto, il suo mantenersi attuale, lo si deve anche all’evoluzione digital che ha seguito negli anni. A partire dal 2008 il gioco è stato reso disponibile per dispositivi iPhone e iPod Touch, nel 2009 venne lanciato un browser game le cui mappe erano sostituite da quelle di Google Maps (Monopoly City Streets), ed il famosissimo Monopoly Ultimate Banking dove il denaro diventa digitale e ogni transazione gestita con un lettore di carte di credito.
La vera evoluzione del gioco, che detta una metodologia di gioco all’avanguardia, è il Monopoly Live. Parliamo di un modo di giocare innovativo che nasce da una combinazione di azione tipica del gioco casinò dal vivo e mixata con la realtà aumentata, che permette di raccogliere chance di vincita reali, in un universo 3D completamente immersivo e con una esperienza di gioco ad altissimi livelli. Un’esperienza unica da non perdere!