IL GIOCO È RISERVATO AI MAGGIORENNI E PUÒ CREARE DIPENDENZA PATOLOGICA. | Probabilità di vincita
film-poker-cover
I film più belli sul Poker Texas Holdem

Categoria: Poker

Il cinema è sempre stato veicolo di emozioni e tramite perfetto per esaltare un gioco come il poker. Per questo sono moltissimi i film in cui, per dovere di trama o per una scena in particolare, i protagonisti si ritrovano al tavolo da gioco.

Alcuni grandi classici drammatici come “La Stangata” con i mitici Paul Newman e Robert Redford, ma anche commedie più leggere come “Maverick” con Mel Gibson. E per la parte italiana come dimenticare la mitica scena di “Asso” con Adriano Celentano o quel capolavoro di Pupi AvatiRegalo di Natale“, vera e propria metafora sulla vita al tavolo da poker.

Questo almeno per quanto riguarda il poker a cinque carte, quello “all’italiana” per intenderci. Poi arrivò il Texas Holdem e tutto si trasformò, anche le trasposizioni cinematografiche. Vediamo quali sono i 5 film più importanti che hanno contribuito a fare del Texas Holdem, la variante più diffusa al mondo.

 

Deal, il Re del poker

Siamo negli anni del pieno “boom” del poker texano, tanto che molti dei campioni di quegli anni faranno anche delle brevi comparsate nei tornei che si giocano realmente nel film.

La pellicola non è particolarmente innovativa, ricalcando un iter classico delle trame cinematografiche: il vecchio mentore (Burt Reynolds), il giovane apprendista talentuoso ma troppo arrogante (Bret Harrison) e un sogno da realizzare dopo aver toccato il fondo. In questo caso, diventare campione di poker vincendo uno dei tornei più importanti, il World Poker Tour di Las Vegas (naturalmente).

 

Runner Runner

runner-runnerI tempi sono decisamente cambiati, e infatti in questo film anche la rappresentazione del gioco è moderna. Niente tavoli verdi e bische, ma un computer e piattaforme di gioco online.

E’ qua che il giovane protagonista (Justin Timberlake) vive le sue notti giocando a poker per mantenersi gli studi. Il suo “Viaggio dell’Eroe” letterario, lo porterà naturalmente a perdere tutto e cercare risposte dal lato opposto del mondo, dove lo attenderà proprio il titolare di quella piattaforma online (Ben Affleck) che lo costringerà a fare scelte parecchio difficili.

 

Casinò Royale

In un classico James Bond, non si parla ovviamente di un film realmente dedicato al mondo del poker. Eppure la partita che l’agente segreto più famoso del mondo svolge al Casinò in questa pellicola, è davvero uno dei momenti più importanti e interessanti del film. In palio non solo svariate decine di milioni in una lotta all’ultima carta, ma anche la stessa vita dell’agente. E non poteva finire che con una improbabile scala colore.

 

Le regole del gioco

regole-giocoForse uno degli esperimenti più interessanti di portare una storia di poker al cinema. Questa volta è soprattutto il rapporto tra il protagonista (Eric Bana) e suo padre (Robert Duvall) ad essere al centro della scena. Il fatto che siano entrambi due talentuosi campioni di poker (del possibile futuro e del grande passato), diventa la scusa per delineare meglio i due personaggi e le dinamiche emozionali, che non a caso coinvolgeranno anche l’amore per una ragazza (Drew Barrymore).

La risoluzione finale, non poteva che essere al tavolo da poker, più precisamente alla finale dei campionati del mondo delle WSOP a Las Vegas (anche in questo caso, tanti i reali campioni coinvolti, compreso la leggenda del poker Doyle Brunson che ha anche collaborato come consulente per la parte più tecnica del gioco).

 

Il giocatore

giocatoreMa quando parliamo di film sul Texas Holdem, c’è un solo nome in cima a tutte le liste di preferenza. Quel film che ha fatto spesso da apripista per molti dei campioni reali del gioco e per quasi tutti gli appassionati.

Parliamo ovviamente di The Rounders. Uscito a fine millennio, ha portato per la prima volta sul grande schermo tutto il nuovo mondo del poker alla texana (“La Cadillac del poker“, cit), e rappresenta certamente la migliore rappresentazione possibile (fino ad ora).  Un ottimo Matt Damon è uno studente di legge convinto di poter sfondare nel poker, tanto da sfidare forse troppo presto un tavolo più “grande” di lui e perdere tutti i suoi soldi contro Teddy KGB (John Malkovich).

Da quel momento entrerà suo malgrado in una serie di situazioni che insieme ad alcuni compagni di viaggio (da Edward Norton a John Turturro) in una spirale verso il punto più basso della sua vita. Ma come in tutte le buone storie, quello sarà anche il punto migliore per tornare a spiccare il volo. Non senza rischi e non senza qualche perdita nel mente.

 

 

Tutte le foto utilizzate sono con licenza Creative Commons