IL GIOCO È RISERVATO AI MAGGIORENNI E PUÒ CREARE DIPENDENZA PATOLOGICA. | Probabilità di vincita
videogamers-podio
Quanto si guadagna con gli eSports?

Categoria: Giochi

Il mondo degli eSports negli ultimi anni ha raccolto un bacino di utenza da capogiro ottenendo come risultato cifre inaspettate ed introiti in grande crescita.
L’ultima finale dei mondiali di League of Legends infatti secondo i dati ufficiali è stata vista da circa 200 milioni di persone in tutto il mondo risultando l’evento eSports più visto dell’ultimo anno con quasi il doppio di spettatori rispetto alle finale dell’ NBA e risultando secondo solo alla finale di UEFA Champions League vista da circa 250 milioni di spettatori.
Non sorprenderà dunque che numeri di questo genere generino per i giocatori che sono gli interpreti di questo mondo guadagni non indifferenti, vediamo insieme quanto e in che modo si guadagna negli eSports.

Quanto guadagnano di stipendio i pro player?

happy
Normalmente gli stipendi dei giocatori professionisti dipendono dal gioco in questione e dal circuito in cui competono.
Le stime infatti vedono l’America come il continente più profittevole con stipendi medi per i pro player che oscillano dagli 80 mila ai 120 mila dollari annui seguono gli europei che guadagnano dai 60 mila ai 90 mila euro annui, poco di meno gli stipendi dei giocatori cinesi e coreani.
Per quanto riguarda i bonus i guadagni dipendono dalla competizione svolta e dai termini del contratto, le stime parlano di circa 20 mila euro annui extra ottenuti in premi.
Questi dati riguardano principalmente titoli come Lol e Dota2 e si riferiscono esclusivamente agli stipendi dei giocatori, non bisogna infatti escludere tutte le altre fonti di guadagno negli eSports.

Gli sponsor

I guadagni principali dei giocatori di eSports infatti non dipendono dai loro stipendi in se ma dai contratti firmati con gli sponsor.
I giocatori infatti sono continuamente protagonisti nei canali social dei vari sponsor e la loro immagine aumenta sensibilmente il ricavo nell’ottica del merchandising.
Le sponsorizzazioni non riguardano solo i professionisti ma rappresentano una fonte di guadagno anche per gli influencer (youtuber e streamer) nel mondo dei videogiochi. Oltre i professionisti infatti anche gli streamer  guadagnano indirettamente grazie agli eSports strappando sponsorizzazioni e partnership.

Twitch/Youtube

Oramai è noto come Twitch rappresenti la tv del presente avendo canalizzato l’utenza superando network solidi come Netflix  e gli altri siti di streaming online.
Lo streaming degli eSports vede ogni giorno mediamente 500 mila spettatori fissi e ogni pro player ha ormai il suo canale dove andare live durante gli allenamenti quotidiani.
Tra abbonamenti al canale, donazioni e ricavi dalla partnership si raggiungono guadagni annui superiori ai 150 mila euro per i giocatori più noti.
Non mancano poi i video su Youtube le cui visualizzazioni aggiungono un ulteriore fonte di guadagno per i professionisti e non degli eSports.
Sono tantissimi oramai i canali che offrono gameplay e contenuti di ogni tipo riguardo al mondo eSports senza contare poi i canali ufficiali delle squadre seguiti dalla loro fan base che contano centinaia di migliaia di iscritti.
videogamers-podio
Dunque sembra chiaro quante potenzialità possiede il mondo eSportivo e quanto alti siano i guadagni che questo mondo offre ai giocatori professionisti  tra stipendi e sponsorizzazioni.
L’ambiente degli eSports è fertile ora più che mai e le possibilità sono aperte a tutti.
Giocare è gratis ma ritrovarsi a guadagnare quelle cifre richiede talento, sacrificio e impegno e non è una cosa da tutti.
Troppi giovani perseguendo soldi e fama che questo mondo può offrire si immergono nel gaming trascurando le cose importanti e la regola principale di ogni gioco: divertirsi!
 
 
Tutte le foto utilizzate sono con licenza Creative Commons